Accademia aperta

Giovani artisti, accademici di Brera, si fermano da Pavart per esporre alcune opere in una mostra curata da Omar Gagliani con Velia Littera di Pavart.

Ancora una volta il mio obiettivo mi guida all’inerno di opere d’arte. Cerco la messa a fuoco sulle fibre, sulle pennellate lucide e guizzanti, sulle superfici lucide/opache,sui colori e sui bagliori dei metalli. Mi accorgo dai dettagli dell’alto livello di manualità che sostiene le composizioni di questi artisti.  Lo vedi da una mano, da un piede, rappresentato di scorcio in fretta, col manico del pennello che graffia uno strato di giallo ancora fresco.  Mi riferisco all’opera di Rachele Cicerchia, due grandi tele dal titolo Carni.

La cinese Kaijia Zheng consuma la carta cancellando e ridisegnando numerosi strati per rappresentare volti evanescenti.

Tecniche classiche, visione autentica, mano esperta sono caratteristiche di questi artisti giovani e preparati.  Non c’è improvvisazione, tutto è intenzionale, si percepisce l’autenticità della loro visione del mondo.

Due libri illustrati fatti di pagine dipinte, fresche come appena asciugate, vive e desiderose di essere sfogliate. Il lavoro che più mi ha affascinato di Ginevra Tarabusi.

Carolina, il suo nome inciso in corsivo un numero incalcolabile di volte, in cerchi concentrici su lamiera di rame, naturale oppure ossidato.  Sono colpita dalla conoscenza del materiale, il gusto, il senso dello scopo ossessivo, la pazienza certosina di Carolina Corno.

 

Inner landscape

“My eye is looking for artifacts that have been corrupted by time, returned to the mercy of the elements, landscapes and perspectives on which to project my inner world.”

Ecco il mio contributo di immagini e di parole, al concorso bandito da Prada, Luxottica e Feltrinelli, che sotto il nome di Prada Journal unisce fotografia e letteratura.  Il titolo corrisponde perfettamente al mio modo di vedere gli oggetti, il mondo materiale.  Ecco che le mie immagini hanno ora il titolo che aspettavano: paesaggio interiore.

Il progetto vive e si condivide soprattutto su Instagram , per ora.

 

Rottami geo

Rottami spiaggia
Rottami spiaggia

Flusso di linfa

Il vernissage della mostra organizzata da Velia Littera per Pavart nel suo showroom di via dei Genovesi.

Continue reading

Drawbertson

Un librone poggiato su un mobile del salotto mi sorride. Scopro Donald Robertson aka @Drawbertson così, per caso. Ci casco dentro e non ne esco più. Continue reading

Visual design per camere d’albergo

Un soggiorno in un albergo europeo di una grande catena internazionale mi ha portato ad osservare dei dettagli dell’arredo non secondari, e cioè le decorazioni alle pareti, in questo caso dipinti su tela. Oggetti che contribuiscono a  definire il livello e il tono che l’albergo si vuole dare attraverso una strategia che è sia di interior che di visual design. Continue reading

I miei Saloni 2014

Anche io sono andata ai Saloni 2014 di Milano. Con occhio disincantato, cercando di non perdermi tra  i plotoni di giapponesi che trattano acquisti di forniture extra lusso, senza timore di distrarmi con le stravaganze progettate ad uso e consumo degli oligarchi di passaggio. Continue reading

La dimora temporanea degli innamorati dell’avventura

Il blog di Lilli Bacci, SENTIRSI A CASA ha pubblicato giorni fa un mio piccolo post.  Lo propongo anche qui.

Sono molto contenta di avere incontrato “Sentirsi a casa”, un luogo virtuale così evocativo di luoghi fisici reali e avvolgenti, che a questi luoghi dedica la propria ricerca. Continue reading

Ritratto continuo continua

Ritratto continuo è esposto alla GNAM ancora fino al 5 febbraio.  Io l’ho visto il primo giorno, con un sacco di gente, donne, soprattutto.  Continue reading

Ritratto continuo

“Il bello dell’arte contemporanea è che ti costringe a pensare”:  così Francesca Montinaro ad una signora che si preparava a posare per “Ritratto continuo“, per aiutarla a scegliere una frase da dipingerle sul palmo della mano.  Continue reading